"La terra dei buchi" by Mattia Marzorati

€33.00

78sold of 243

32% funded

This product will only be produced if at least 243 units are supported by November 07, 2021 23:55 (Rome)

Calculating time remaining

Regular price
Added to Cart! View cart or continue shopping.

In prevendita fino a domenica 7 novembre 2021, solo sul nostro sito. Gli ordini in prevendita verranno evasi a inizio Dicembre 2021 prima dell'uscita nelle librerie.

La terra dei Buchi

Fotografie di Mattia Marzorati

La città di Brescia e la sua provincia hanno conosciuto negli ultimi cento anni uno sviluppo economico straordinario, soprattutto grazie ai settori metalmeccanico ed estrattivo, dalle cui cave di ghiaia, sabbia e marmo deriva il nome di terra dei buchi. La presenza di questi enormi crateri pronti per essere riempiti ha dato il via al business dei rifiuti negli anni Ottanta.

La mancanza di leggi che regolano lo smaltimento dei rifiuti, le infiltrazioni mafiose e la ricerca del massimo profitto da parte degli industriali hanno creato col tempo un sistema economico apparentemente efficiente ma con conseguenze disastrose per il territorio e per i suoi abitanti. L'incidenza di tumori e di altre patologie è molto più alta qui che nel resto del Paese; inoltre, la provincia può vantare la presenza di uno dei più grandi inceneritori d’Europa, un'enorme concentrazione di discariche, il maggior numero di siti radioattivi e allevamenti intensivi in ​​Italia (ci sono più maiali che abitanti), una delle due peggiori contaminazioni da PCB mai registrate al mondo. Secondo uno studio pubblicato dal Lancet Planetary Health Journal nel 2021, Brescia è la città in Europa con la più alta mortalità per polveri sottili.

Comitati pubblici e ambientalisti affrontano la dura opposizione di molte istituzioni e l'indifferenza della maggior parte dei loro concittadini, spesso scarsamente informati. Negli ultimi mesi vari studi hanno certificato il legame fra la tragica diffusione e mortalità del Covid-19 in quest'area con la preesistente contaminazione dell'aria.

Le criticità ambientali che avvelenano la provincia di Brescia, eccezionalmente numerose e di diversa natura, fanno di questo territorio un caso rappresentativo per comprendere come gli attuali modelli di sviluppo siano assolutamente insostenibili e distruttivi per l'ambiente e le persone.

On presale until Sunday 7th November 2021, only on our website. Pre-sale orders will be processed at the beginning of December 2021 before being released in bookstores.

The land of holes 

Photographs by Mattia Marzorati

Over the last hundred years the city of Brescia and its province have experienced an exceptional economic development, mainly thanks to the engineering and mining sectors, to whose gravel, sand and marble quarries we owe the name of "land of holes". The presence of these huge holes ready to be filled started the waste business in the 1980s.

The lack of laws regulating waste disposal, mafia infiltration and the search for maximum profit by industrialists have created a seemingly efficient economic system with disastrous consequences for the territory and its inhabitants over the years. The incidence of cancer and other pathology is much higher here than in rest of the country; moreover, the province can boast the presence of one of the biggest incinerators in Europe, an enormous concentration of landfills, the highest number of radioactive sites and intensive farms in Italy, one of the two widest and worst contamination by PCB (polychlorinated biphenyls) ever recorded in the world. According to a study published by The Lancet Planetary Health journal in 2021, Brescia ranks worst in  Europe in fatalities related to fine particulate matter (PM 2.5).

Public committees and environmentalists, who are trying to fight these policies, face the stark opposition from institutions and the indifference of most of their fellow-citizens, poorly informed and mainly concerned about maintaining their economic well-being. For the past few months many studies have been linking the exceptional spread and deadliness of Covid-19 in this area with the pre-existing air contamination.

The province of Brescia concentrates an incredibly high number of environmental problems in its territory and represents a significant case in order to understand how the current development models are absolutely unsustainable and destructive for the environment and for the people. 

Caratteristiche tecniche del libro fotografico

Tiratura: 500 copie

Formato chiuso: 22,5x29cm

Copertina: Favini Remake Carapce CR Sand da 250 gr, stampa 1 colore (nero)

Interni: 112 pagine su Arena Natural smooth da 170gr, stampa 4/4 colori

Rilegatura: brossura filorefe

*Il prodotto raffigurato è un prototipo destinato al solo scopo esemplificativo che potrebbe subire variazioni in corso d'opera. Qualora il goal non venisse raggiunto tutte le transazioni verrano rimborsate.